Agilità: un mondo tutto da imparare

di Elena Fabbrini - Agile Team Coach
| minuti di lettura

In questo ultimo periodo si legge sempre più spesso di aziende interessate ad adottare un approccio agile. Ma che cosa significa esattamente?

Il pensiero comune purtroppo spesso vede l’agile come un universo fatto di framework, metodi e tecniche, tutto studiato e già scritto, dove non si può togliere né tanto meno aggiungere nulla. Niente di più sbagliato!

L’Agile manifesto ci racconta i valori e i principi dell’agilità che costituiscono un vero e proprio modo di essere, di pensare ancora prima di agire. È vero che l’esperienza sul campo ci suggerisce delle metodologie da applicare, ma chi sul campo ci lavora ‘oggi’ sa bene quanto la velocità del cambiamento e le necessità dell’individuo siano mutevoli e non sempre applicare un determinato framework in maniera puntuale è garanzia di successo. 

Nel mondo che l’agilità promuove tutto ciò che ruota attorno al concetto di gerarchia perde di significato, ogni persona è posta esattamente allo stesso livello dell’altra ed è apprezzata per le sue capacità e competenze che la rendono particolarmente adatta per svolgere determinate attività all'interno del team. Quando infatti l’obiettivo è condiviso, non si parla più di ruoli ma di compiti: tutti camminano seguendo lo stesso percorso e collaborano, mettendo a disposizione del gruppo la propria esperienza e le proprie abilità per raggiungere insieme un’unica meta

Se l’Agile rappresenta un approccio relativamente semplice sulla carta, non è altrettanto banale applicarlo nella realtà. L’agile infatti non è solo un insieme di regole standard da seguire, ma richiede un grandissimo sforzo da parte di tutte le persone coinvolte per affrontare un forte cambiamento culturale: un nuovo modo di approcciarsi al lavoro in team e una nuova visione che vede al centro di ogni iniziativa la creazione di valore. È essenziale quindi non sottovalutare mai l’effort necessario per formarsi, crescere e per imparare dell’esperienza.

Adottare un approccio agile significa intraprendere un vero e proprio viaggio in cui si scoprono passo dopo passo nuove incertezze, difficoltà, sfide e opportunità. Poiché spesso il risultato finale dipende tutto dal modo in cui ciascun team reagisce, è qui che diventa di fondamentale importanza avere come riferimento una figura esperta come quella dell’Agile Coach. Il suo compito è quello di incoraggiare i team e aiutarli ad affrontare al meglio le circostanze. Un Agile Coach fa in modo che le persone sappiano riconoscere le proprie piccole vittorie e spinge a celebrarle in modo tale da mantenere sempre alti il focus, la motivazione e l’ispirazione di tutti. Il Coach è anche colui che dopo il fallimento sprona a riconoscerne completamente e onestamente le cause scatenanti. Il suo compito è quello di creare un clima di consapevolezza in cui nessuno viene giudicato ma, anzi, viene invitato a riflettere su come trasformare gli errori in tesori da cui trarre beneficio e in sostegni da cui ripartire per un cammino più rapido verso il successo. Da questo punto di vista si potrebbe dire che l’agilità si osserva nella resilienza, nella capacità di ripartire rivedendo i propri valori e le proprie priorità. Se da una parte essere resilienti significa essere flessibili e perciò essere in grado di accogliere modi di vedere e agire diversi, essere agili significa saper trovare il giusto equilibro tra flessibilità e stabilità, con quell'atteggiamento pro-attivo di chi osa e sa assumersi dei rischi. 

L’adozione del Mindset Agile non è confinata soltanto al mondo del business. Al contrario, il principio del miglioramento continuo, il focus sul lavoro in team e la necessità di operare in logica collaborativa hanno una produttiva applicazione anche in tutti quegli ambiti in cui ci sia bisogno di evolvere e di adattarsi rapidamente ai bruschi cambiamenti.

La cosa fondamentale, in qualsiasi campo si voglia adottare un approccio agile, è ricordare che per lavorare in sana agilità è indispensabile agire con la consapevolezza dei propri limiti e l’entusiasmo di chi ha voglia di superarli e migliorarsi. 

 
Search

ai

big-data

digital-transformation

Articoli Correlati

Articoli Correlati

La realtà tra Virtuale e Aumentata

Vivremo e lavoreremo tutti nel Metaverso? Come le aziende di servizi che si basano sui branch office si trasformeranno?

Si stagliano nel panorama della trasformazione digitale due visioni tecnologiche contrapposte: da un lato la realtà virtuale dall’altra quella aumentata.